Medicina dello Sport

La manipolazione del sistema fasciale e delle articolazioni che sono coinvolte nello schema motorio dell'atleta riducono gli attriti e migliorano gli scorrimenti delle fasce muscolari prevenendone l'usura. Il trattamento osteopatico è particolarmente indicato negli stati dolorosi che sono la conseguenza di squilibri non ancora evoluti in una vera e propria patologia, quindi ancora recuperabili velocemente:

  • Dolori lombari possono evolvere, se non trattati preventivamente, in protrusioni, sciatalgie ed ernie lombari.
  • Un'infiammazione della zona del collo e delle spalle può evolvere in ernia cervicale, torcicollo e/o cefalea.
  • Difficoltà digestive possono condurre a gastriti, sindrome da reflusso, colon irritabile.
  • Stati di stress, ansia e stanchezza possono evolversi in situazione di depressione cronica e calo delle difese immunitarie.

PATOLOGIE DA SPORT

Il trattamento osteopatico spesso può essere da supporto ad altre figure sanitarie per risolvere traumi che possono compromettere la stagione sportiva come: distorsioni, stiramenti, contratture, pubalgie, tendiniti, epicondiliti, strappi muscolari. L'efficacia è stata dimostrata soprattutto nei tempi di recupero. Spesso ci si trova davanti a dei casi di recidiva, come stiramenti agli ischiocrurali, uno dei traumi più comuni per corridori, calciatori ed soggetti che corrono nel proprio sport.

In questi casi l'osteopata valuta l'atleta nell'insieme per risalire allo squilibrio principale che ha portato il tessuto in questione ad un sovraccarico.

PRESTAZIONE E PERFORMANCE

L'osteopatia permette di ottimizzare il rendimento della "macchina uomo" liberando l'organismo da tensioni che in vario grado limitano la prestazione, il miglioramento che si ottiene dal punto di vista posturale riduce il consumo energetico e gli attriti interni rendendo più fluidi i gesti tecnici. In questo caso il trattamento osteopatico può intervenire su più livelli:

Sulle “cerniere” corporee, articolazioni importanti dal punto di vista biomeccanico generale (sacro iliaca, passaggio dorso-lombare e cervico-dorsale, art. occipito atlanto epistrofea, art. temporo-mandibolare, caviglia, ginocchio, anca, spalla, polso) per ottenere i seguenti miglioramenti:

  • Riduzione della spesa energetica a parità di sforzo.
  • Maggior libertà di movimento, quindi aumento falcata di corsa, ampiezza bracciata nel nuoto, miglioramento della respirazione.
  • Aumento della propriocettività.

Sulle tensioni a livello muscolare, scarsa elasticità, tensioni fasciali, influenza cicatrici:

  • Aumento della capacità di utilizzo di ossigeno (diaframma, stretto toracico superiore).
  • Maggior espressione di forza e resistenza con un recupero minore.

Sulle difficoltà circolatorie su base organica e posturale, affaticamento organico di fegato, milza, stomaco, intestino, circuito linfatico:

  • Miglioramento delle funzioni cardio-circolatorie.
  • Prevenzione delle malattie (sistema-immunitario).
  • Preparazione alle competizioni.

L'osteopata può essere di grande aiuto nei confronti dello sportivo durante i periodi di allenamento molto intensi, ma anche in prossimità di appuntamenti agonistici importanti; infatti tramite un particolare approccio al sistema cranio sacrale riesce a modulare l'attività del sistema nervoso autonomo migliorando:

  • Qualità del sonno
  • Concentrazione agonistica
  • Gestione dello sforzo
  • Prevenzione sovrallenamento.

Gentile utente, questo sito utilizza dei cookie che sono indispensabili per il regolare funzionamento del sito e delle relative funzioni Per consentire il corretto utilizzo del sito e migliorare la tua esperienza di navigazione. Secondo una direttiva europea, è obbligatorio, ricevere il suo consenso in merito. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla